Breaking News
14 marzo prima giornata nazionale del paesaggio
TweetSharenews Il Mibact ha indetto per il 14 di...
D*Face e Obey a Las Vegas
TweetSharenews “Behind Closed Doors” è la nuova ed incredibile...
Da Aosta alla Scozia in sella ad un Ciao
TweetSharenews Avete capito bene, Hanry Favre ha caricato il...
Il destino incrociato di Dylan e Fo
TweetSharenews Per uno strano gioco del destino Dario Fo...
Le star di Hollywood contro Donald Trump
TweetSharenews Le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano, incredibilmente...
Lo street artist Obey scende in campo dopo i fatti di Dallas
TweetSharenews Lo street artist di fama internazionale Shepard Fairey,...
Batman tra i profughi Siriani è la campagna di War Child
TweetSharenews Tra le tante tristi news noi vogliamo dare...

febbraio 5th, 2015
Tu, hai solo paura di amarmi

image

letteratura

di Mauro Scarpa

Nel cassetto hai un libro?

 Perché?

Avere una vita intensa può non bastare.

L’idea è geniale.

Si, ma genio da solo non te lo dici, e nemmeno lo devi sussurrare.

Gli scrittori sono spesso i più perfidi quando si tratta dei libri degli altri. Li leggono neanche i libri degli altri. Se sono i libri degli amici la faccenda si complica. Non è una storia dal finale triste questa. Ma una banale dichiarazione. I libri vengono pubblicati quando c’è unità di intenti tra le parti. Ciò può significare scoprire che il segreto del proprio talento è il non averlo affatto il talento. Come metro di giudizio almeno. E’ come un matrimonio, e i matrimoni sono difficili, ci devono credere tutti. C’era una scritta qualche anno fa, di fronte ad una delle Chiese più belle di Lecce, San Matteo. Tutti vorrebbero sposarsi lì, o in alternativa al Duomo. C’era una scritta dicevo, spray blu su muro bianco. Tu, hai solo paura di amarmi. Dopo qualche tempo una seconda scritta comparve sotto la prima, in rosso. No, è che proprio non ti amo.

La nostra creatura potrebbe non piacere. E’ quello che capita spesso. Ciò che tormenta è il non detto. Dimmi se faccio schifo, su cosa lavorare e  perché. Sono domande sbagliate. Non chiedere mai ad un editore di riconoscere la  tua bravura. Quello era un compito di mamma e papà che doveva diventare tuo. Stai cercando un editore, il futuro sposo, e allora basta con la tattica difensiva del non mi capisci. Spiegati meglio e spiegati forte, e se ancora non basta torna a studiare come uno scolaro affamato di parole e di fonzies.

tu hai solo paura di amarmi1

A me piacciono le parole che si posano sugli altri, e le parole si posano sugli altri quando sono universali. Può anche avvincermi la tua storia travagliata con l’uomo che ti ama ma poi alla fine è solo uno stronzo. Dimmi come hai fatto a non finirci tra le sue braccia. Promettimi che troverai un uomo decente, o indecente, mica te lo rifiuto. Insomma, dimmi che c’è ancora speranza o disperami fino in fondo. Parlami di cose che non sono ciò che pensi, senti, ripensi. Le storie, come dice Erri De Luca, sono più importanti e più interessanti degli scrittori.

Sei un uomo che ama scrivere, sei una donna che ama scrivere. Non è un peccato. Inizia col far leggere le tue cose in giro. Passa una copia al tuo amico caro, quello che ti dice cosa pensa senza paura di ferirti ( e pare che le ferite dell’ego non siano poi così sanguinolente), quello che confida nella tua intelligenza. Passa un’altra copia ad un amante della lettura. Un’altra alla giornalista dagli occhi neri che ti ringrazia per la generosità.

Prendi tutti i commenti, anche quelli poco remunerativi e vedi dove ti colpiscono, e se ti colpiscono. Non farti sfiorare dal dubbio. In piena faccia ti devono arrivare quelle parole, e attento alle persone invidiose, si nascondono dietro lo stesso cognome a volte.

Poi, con tutta l’umiltà rimasta, scegli bene tra i papabili il tuo futuro sposo.

Invia.

Aspetta.

Fai leggere il libro ad un editor.

Aspetta ancora.

Scrivi il prossimo libro.

Aspetta.

Non permetterti di sperare ché non è la speranza che fa scrivere, e neanche la disperazione ci riesce. E’ un semplice e godurioso lavoro scrivere. E semplice è un aggettivo che puoi permetterti dopo aver bestemmiato molte notti di seguito.

Bestemmia e aspetta. Con me ha funzionato ma non dirò altro per istinto di protezione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *