Breaking News
14 marzo prima giornata nazionale del paesaggio
TweetSharenews Il Mibact ha indetto per il 14 di...
D*Face e Obey a Las Vegas
TweetSharenews “Behind Closed Doors” è la nuova ed incredibile...
Da Aosta alla Scozia in sella ad un Ciao
TweetSharenews Avete capito bene, Hanry Favre ha caricato il...
Il destino incrociato di Dylan e Fo
TweetSharenews Per uno strano gioco del destino Dario Fo...
Le star di Hollywood contro Donald Trump
TweetSharenews Le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano, incredibilmente...
Lo street artist Obey scende in campo dopo i fatti di Dallas
TweetSharenews Lo street artist di fama internazionale Shepard Fairey,...
Batman tra i profughi Siriani è la campagna di War Child
TweetSharenews Tra le tante tristi news noi vogliamo dare...

settembre 19th, 2015
Mons capitale della cultura

image

avantgarde

di Martina Coppola

In estate gli uffici istituzionali fermano o, comunque, rallentano le loro attività e diventa più facile concepire l’idea che il Belgio non sia solo Bruxelles e i suoi eurocrati.

È birra, frites e cioccolata, ovviamente! Ma andiamo anche oltre. La cultura imperversa, probabilmente sulla scia trainante di Mons, scelta come Capitale Europea della Cultura per questo 2015 ormai nella sua seconda metà.

11949569_1075832545784887_1395328820_n

Ma c’è ancora tempo per visitare questa cittadina che, oltre ad ospitare il Beffroi (la torre campanaria con il suo carillon)incluso dall’Unesco nella lista del patrimonio mondiale, ha popolato le sue suggestive vie di manifestazioni artistiche di ogni varietà, da sculture a murales, a eventi musicali passando attraverso il ben riuscito recupero urbano di alcune aree.

Emerge un occhio attento al fermento e all’evoluzione che la cultura e l’arte stanno vivendo negli ultimi anni, con un gusto estetico che si sta trasformando e con il lento ma innegabile (e ineludibile, aggiungerei) riconoscimento del valore di nuove forme espressive, un tempo relegate a classe inferiore quando non addirittura etichettate come “teppismo”, come nel caso della street art oggi sempre più urban.

La cultura tutto intorno a noi, piuttosto che chiusa all’interno di luoghi esclusivi. Per questo parole, brani e citazioni si possono ritrovare sui muri e sui marciapiedi di tutta la città, scritte bianche che a volte letteralmente accompagnano un percorso o che, altre volte, isolate catturano l’attenzione all’improvviso e spingono alla riflessione o stimolano la curiosità.

La fruibilità gratuita e costante, all’aperto e ovunque: sembra questa la peculiarità dell’idea  di cultura a  Mons Capitale.

Vecchie parole scritte su nuovi muri o nuove sculture posizionate sotto vecchie mura, non importa: purché la cultura si respiri.

11938981_1075832575784884_500787287_n

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *