Breaking News
14 marzo prima giornata nazionale del paesaggio
TweetSharenews Il Mibact ha indetto per il 14 di...
D*Face e Obey a Las Vegas
TweetSharenews “Behind Closed Doors” è la nuova ed incredibile...
Da Aosta alla Scozia in sella ad un Ciao
TweetSharenews Avete capito bene, Hanry Favre ha caricato il...
Il destino incrociato di Dylan e Fo
TweetSharenews Per uno strano gioco del destino Dario Fo...
Le star di Hollywood contro Donald Trump
TweetSharenews Le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano, incredibilmente...
Lo street artist Obey scende in campo dopo i fatti di Dallas
TweetSharenews Lo street artist di fama internazionale Shepard Fairey,...
Batman tra i profughi Siriani è la campagna di War Child
TweetSharenews Tra le tante tristi news noi vogliamo dare...
cinema

Black Comedy”, il cortometraggio di Luigi Pane di cui noi di Turboarte abbiamo seguito sin dall’inizio, già prima delle riprese, i suoi sviluppi, è stato selezionato dalla FICE (Federazione Italiana Cinema d’Essai) a far parte della loro importante rassegna “Cortometraggi che Passione” che vede ogni anno otto fortunati cortometraggi essere premiati per la loro proprietà artistica con una distribuzione nazionale nelle sale cinematografiche. Un riconoscimento ed un’opportunità molto importante per il genere del “film breve”, che molto spesso stenta ad avere una sua visibilità nonostante sia in molti casi fucina ed embrione di nuovi talenti e di nuove forme di espressione linguistica. Non a caso, i corti della Fice si differenziano per una varietà di stili e generi del tutto diversi tra loro, con un solo elemento in comune: la qualità.

Nello specifico, Black Comedy è girato in bianco e nero ed è interpretato da attori del calibro di Fortunato Cerlino (il boss Savastano della fiction Gomorra) e dalla bravissima Antonia Liskova. Girato nel prestigioso Teatro Argentina di Roma, il film può considerarsi un noir sul linguaggio, un thriller della parola, dove sono i dialoghi, insieme alla bravura dei due protagonisti, il punto nevralgico di una misteriosa vicenda che travalica i confini della realtà e della finzione scenica.

Congratulazioni al regista Luigi Pane e a tutto il cast and crew di Black Comedy che tra l’altro è anche candidato alla prossima edizione del David di Donatello. Magari che questo premio porti fortuna. Incrociamo le dita.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *