Breaking News
14 marzo prima giornata nazionale del paesaggio
TweetSharenews Il Mibact ha indetto per il 14 di...
D*Face e Obey a Las Vegas
TweetSharenews “Behind Closed Doors” è la nuova ed incredibile...
Da Aosta alla Scozia in sella ad un Ciao
TweetSharenews Avete capito bene, Hanry Favre ha caricato il...
Il destino incrociato di Dylan e Fo
TweetSharenews Per uno strano gioco del destino Dario Fo...
Le star di Hollywood contro Donald Trump
TweetSharenews Le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano, incredibilmente...
Lo street artist Obey scende in campo dopo i fatti di Dallas
TweetSharenews Lo street artist di fama internazionale Shepard Fairey,...
Batman tra i profughi Siriani è la campagna di War Child
TweetSharenews Tra le tante tristi news noi vogliamo dare...

letteratura

«Eravamo tutti in attesa. Di sangue migliore, di ansie controllabili, di un peso corporeo decente, di bellezza, di amore.»

Giovedì 31 marzo ore 18:30 – presso “Tuba Bazar” a Via del Pigneto n. 39A – Roma

Il 31 marzo in zona Pigneto andrà in scena la presentazione del nuovo libro di Caterina Venturini “L’anno breve” edito da Rizzoli e distribuito nelle migliori librerie dal 10 marzo 2016.

L’evento di Giovedì prossimo è l’ultima presentazione che avverrà nel territorio capitolino, a cui seguiranno quelle del 2 aprile a Napoli, del 19 aprile a Milano ed infine quella prevista per il 20 aprile a Bologna.

Di seguito una breve presentazione del libro e, per i più curiosi, il link dedicato dal Corriere della Sera all’incipit del libro. Inoltre riportiamo il link al video della recente presentazione del libro fatta dall’autrice sugli schermi di Rai Uno.

caterina venturini presentazione

Sinossi:

I nuovi studenti di Ida Ragone hanno una specialità: sono anche pazienti. Pazienti che guariscono difficilmente, o mai del tutto. “Qui nessuno è guarito” dice Ida alla madre – neppure noi che partivamo avvantaggiati.” Non si guarisce dalla vita, non guariscono neppure quei “noi” sani, divisi irrevocabilmente dai malati dalla torre di un ospedale, nel quale Ida andrà per nove mesi a fare lezione a ragazzi che spesso non vogliono o non possono alzarsi da un letto. Cosa insegnargli di così urgente e indispensabile? Come può insegnare qualcosa proprio lei che cambia scuola ogni anno, quando sono i suoi studenti che devono ogni giorno spiegarle tutto: le medicine che prendono, le diagnosi, le attese e i dispiaceri, e quanto poco potesse fare la scuola anche quando erano sani.
Con queste domande Ida comincia il suo ennesimo anno breve, e fin da subito capisce che è lei a dover imparare, soprattutto ciò che non può fare per loro: non può pretendere che Mattia apra gli occhi fin dal mattino per studiare, né che Andrea le sorrida, o che Leila smetta di fuggire e ricominci a mangiare.
Eppure qualcosa succede, se Giulia comincia a interessarsi alle vicende di Jacopo Ortis e Franco le chiede consigli d’amore; quei ragazzi non sono poi così diversi dagli adolescenti che ha incontrato a scuola negli anni precedenti, né da com’era lei, giovane studentessa in un lontano passato che ha cercato a ogni costo di dimenticare e che ora torna del tutto inaspettato nella sua vita.
Solo in ospedale, nel luogo della malattia e del non-senso, Ida capisce che la scuola può fare molto poco per gli studenti, è sempre stato così, ma proprio quel poco, non esattamente misurabile da nessuno, va fatto tutti i giorni al meglio di sé, delle proprie speranze e delle proprie fragilità. Solo quel tempo congelato in cui si lotta per la sopravvivenza, le consegna un’intensità altrove mai vissuta, mettendola a confronto con una vita che pensava di desiderare, un posto all’università e una relazione sicura, cui ora non può più dare tempo.

La presentazione del libro al Caffé di Rai Uno

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *