Breaking News
14 marzo prima giornata nazionale del paesaggio
TweetSharenews Il Mibact ha indetto per il 14 di...
D*Face e Obey a Las Vegas
TweetSharenews “Behind Closed Doors” è la nuova ed incredibile...
Da Aosta alla Scozia in sella ad un Ciao
TweetSharenews Avete capito bene, Hanry Favre ha caricato il...
Il destino incrociato di Dylan e Fo
TweetSharenews Per uno strano gioco del destino Dario Fo...
Le star di Hollywood contro Donald Trump
TweetSharenews Le elezioni negli Stati Uniti si avvicinano, incredibilmente...
Lo street artist Obey scende in campo dopo i fatti di Dallas
TweetSharenews Lo street artist di fama internazionale Shepard Fairey,...
Batman tra i profughi Siriani è la campagna di War Child
TweetSharenews Tra le tante tristi news noi vogliamo dare...

#teatro

La compagnia “I SENZA SIPARIO” presenta: L’IMMAGINARIO MALATO DI MOLIERE

SERATA DI BENEFICENZA A SOSTEGNO DI JAY NEPAL ACTION VOLUNTEERS ONLUS
www.jaynepal.org
INGRESSO AD OFFERTA LIBERA
PER ULTERIORI INFO: fernando.ciotti@taxnet.it

SABATO 5 NOVEMBRE 2016 – ore 20.30
TEATRO SAN GIULIANO
V. Cassia 1036, Roma

Traduzione, adattamento e regia: Cecilia Calvi
Assistente alla regia: Carla Cosimelli
Disegno, luci: Massimo Paneni
Scene e Costumi: Caterina D’Auria
Grafica: Valeria Di Cola
Foto di scena: Serena Caporuscio

Interpreti:
Maurizio Cosimelli, Fiorella Ruberti, Luisa Riccardi, Caterina D’Auria, Giulia Felli, Luca Tamburrano, Vittorio Natangeli, Alfredo Pierdomenico, Francesca Anzidei, Fabio Molin, Valeria Di Cola.

Si ringraziano:
Tirelli Costumi per gli abiti d’epoca
E. Rancati per l’attrezzatura scenica
Pompei Calzature per le calzature d’epoca
Rocchetti & Rocchetti per le parrucche
TRAMA
Venerdì 17 febbraio 1673, quarta replica de “Il Malato Immaginario”.
Molière è molto malato, e la ‘troupe du Roi’ non vuole andare in scena senza di Lui. Il pubblico preme e Charles De La Grange, braccio destro del maestro, per salvare lo spettacolo, organizza una prova con dei dilettanti, dalla serva al suggeritore, dal medico alla sarta, alla cuoca, all’amministratore e perfino alle suore della Carità.
Il risultato sarà catastrofico ed esilarante, un dentro e fuori scena movimentato e divertente. Ma anche una riflessione sull’ipocondria, quel “mal d’esprit” che continua a serpeggiare e a colpire alle spalle.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *